Community
 
Giuranna
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
   
 
Creato da Giuranna il 05/07/2008
Paderno e Villaggio Ambrosiano insieme

 

 

Scommettiamo?

Paderno e il Villaggio Ambrosiano sono quartieri diversi ma non tanto da non poter camminare insieme!
Varie cose li uniscono: le due scuole dell'infanzia e le due elementari appartengono al 1° Circolo Didattico, le due parrocchie dal 1° settembre 2007 formano un'unica Comunità Pastorale con un solo parroco.
La nostra scommessa è che possiamo crescere insieme, valorizzando le rispettive risorse e potenzialità.

 

NO INCENERITORE

modulo per raccolta firme

ecco dove puoi firmare

sito del Comitato NO.I

 

Perché questo blog

La scommessa è un blog locale, anzi localissimo. Responsabile: Giovanni Giuranna.

Se hai voglia di collaborare scrivendo articoli o segnalando iniziative, contattami. Il tuo aiuto è prezioso!

Presentazione blog LA SCOMMESSA

 

Scrivimi

Manda un e-mail

 

Ultimi commenti

sono d'accordo. nessun partito ha la patente di...
Inviato da: Giuranna
il 14/05/2010 alle 19:54
 
E il centrosinistra cosa fa? Dichiara che la pillola...
Inviato da: Anonimo
il 14/05/2010 alle 19:39
 
Non si tratta di contrapporre il papa ad altri vescovi. Ho...
Inviato da: Giuranna
il 14/05/2010 alle 19:11
 
Ciao Walter, no sul blog non ho ricevuto tuoi commenti....
Inviato da: Giuranna
il 14/05/2010 alle 13:54
 
ciao Giovanni, credevo di aver risposto... ho sbagliato...
Inviato da: Anonimo
il 14/05/2010 alle 13:50
 
 


 

 

« COMUNITA' PASTORALE: SE...

PIZZUL: "CATTOLICI DI CENTROSINISTRA, RIPARTIRE DALLA CULTURA"

Post n°738 pubblicato il 18 Maggio 2010 da Giuranna
 

 

Nel "post" del 9 maggio ho scritto:

"I cattolici di centrodestra hanno i loro punti di riferimento formativi (CL, Opus Dei, Radio Maria, ecc...). Invece i cattolici di centrosinistra  hanno oggi qualche difficoltà: sul nostro territorio dove possono trovare occasioni e strumenti per formarsi e per elaborare le loro proposte?".

Per approfondire il discorso ho contattato Fabio Pizzul, neoconsigliere regionale del Partito Democratico.

Pizzul è un cattolico 'doc' che ha sicuramente molto da dirci: è giornalista professionista, ha diretto Radio Marconi (la radio della Diocesi di Milano e dei Paolini), dal 2002 al 2008 è stato Presidente dell'Azione Cattolica Diocesana e, fino all'accettazione della candidatura, ha fatto parte del Consiglio Nazionale di Azione Cattolica.

Il 5 febbraio scorso è venuto a Paderno per un incontro sul tema "Apostolicam Actuositatem: la riscoperta dei laici nel Concilio Vaticano II" (scarica il file mp3 dal sito della Comunità pastorale).

Visita il blog di Fabio Pizzul.

 

Fabio Pizzul, eletto in Consiglio Regionale nelle liste PD con 10.700 preferenze

 

Di seguito l'intervista che Pizzul ha gentilmente rilasciato al blog "La Scommessa" di Paderno Dugnano:

Finita la stagione dell'unità politica nella Democrazia Cristiana, i cattolici oggi sono presenti in tutti i partiti. Come valuta questo fenomeno?

Ormai la fine dell'unità politica dei cattolici è un dato di fatto che la stessa gerarchia ha accettato fin dal Convegno Ecclesiale di Palermo del 1996. Certo, c'è ancora molta strada da fare per garantire un confronto sereno tra i cattolici che legittimamente hanno scelto di militare in diverse forze e schieramenti politici. Mi permetto un auspicio per poter fare qualche sostanziale passo avanti in questa direzione: mi auguro che ciascun cattolico riconosca come possibili e plausibili scelte diverse dalla sua e che nessuno si arroghi il diritto di considerarsi l'unico rappresentante di una malintesa ortodossia cattolica in politica.

Perché alle Elezioni Regionali del 28-29 marzo ha accettato di candidarsi nelle liste del Partito Democratico?

Banalmente potrei rispondere perché sono stati gli unici a chiedermelo. A parte gli scherzi, ritengo che un impegno nel PD sia una logica conseguenza della storia che ho alle spalle e delle esperienze che ho maturato negli anni. Portare il mio contributo in un partito plurale mi sembra il modo migliore per costruire qualcosa che possa davvero servire al bene di tutti. E' una sfida e, come tutte le sfide, ha in sé un margine di rischio, ma il modo in cui sono stato accolto e il clima che sto vivendo in queste settimane mi confortano.

Qual è lo stato di salute del "cattolicesimo democratico" a Milano e nei comuni dell'hinterland?

Ci sono tante persone che si ispirano a questa tradizione. Faticano un po' ad emergere a livello di quadri dirigenti, ma il loro contributo mi pare importante ed apprezzato. Ho però una preoccupazione: dobbiamo fare in modo che questa tradizione possa essere raccontata e consegnata anche alle giovani generazioni. E' un patrimonio fecondo che va trasferito, aggiornato e arricchito.

Nel prossimo futuro quali sfide e impegni intravede per i cattolici che si riconoscono nelle forze politiche di centrosinistra?

Mi pare che l'impegno più importante sia quello dell'approfondimento culturale della tradizione e dei valori di cui sono portatori. A partire da questo si potranno delineare proposte politiche capaci di lasciare il segno. Per tornare al PD, è necessario nel prossimo futuro costruire un'identità forte per questo partito e la cultura cattolica può e deve fornire il suo contributo. Insomma, sono importanti le scelte pratiche e le strategie politiche, ma devono essere fondate su una riflessione culturalmente solida.

 
Scrivi Commento - Commenti: 0
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink
 
 
Vai alla Home Page del blog
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Tag

 

 

Visita il mio blog personale

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2010 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Area personale

 

Contatore accessi gratuito