Archivio categoria: News

100 anni fa Narodni Dom

11 Luglio 2020 di fabio pizzul

Lunedì il presidente Mattarella e il suo omologo sloveno Pahor saranno a Trieste per ricordare i 100 dell’incendio di Narodni Dom, il centro culturale sloveno della città.
Un episodio, apparentemente marginale, che ha segnato la nostra storia del ‘900.
L’incontro tra i due presidenti avrà un enorme significato politico per il nostro confine orientale e per l’Europa intera.
Ci sarà un testimone d’eccezione che si era posto come obiettivo personale raggiungere questa data: lo scrittore triestino Boris Pahor, che ha passato la sua vita a raccontare le drammatiche vicende italo-slovene.

continua a leggere »

Un nuovo regionalismo dopo 50 anni

10 Luglio 2020 di fabio pizzul

L’intervento del primo presidente della Lombardia, Piero Bassetti, in occasione delle celebrazioni per i 50 anni del primo consiglio regionale.
A quasi 92 anni, Bassetti è sempre stimolante e provocatorio.
Vi consiglio di ascoltare il suo intervento, ma fino alla fine.
Ditemi che cosa ne pensate.

L’Aria che tira…

9 Luglio 2020 di fabio pizzul

Non tira una bella aria in regione.
Mi ero permesso di attirare l’attenzione sulle procedure di Aria spa, la società che in regione gestisce gli acquisto centralizzati e molte altre partite, in tempi non sospetti (vedi mio post del 30 aprile).
Ora si accendono su Aria i fari della magistratura. La questione è già nota, si tratta della fornitura poi diventata donazione di camici da parte dell’azienda Dama, collegata ala famiglia del presidente Fontana. Dopo l’inchiesta di Report arriva ora quella della magistratura.

continua a leggere »

Da barone rampante a visconte dimezzato

8 Luglio 2020 di fabio pizzul

La banale citazione calviniana mi sembra ben fotografi la situazione dell’assessore alla sanità della Lombardia Giulio Gallera: super esposto mediaticamente all’apice dell’emergenza Covid e ora sempre più isolato e in discussione. Il responsabile della sanità lombarda non è ormai nel mirino politico della sola opposizione, ma della stessa maggioranza.

continua a leggere »

Una nuova sanità per vivere sicuri

4 Luglio 2020 di fabio pizzul
Foto di Paola Bocci

Il modello di sanità lombardo voluto da Maroni e promosso da Fontana ha fallito: non ha retto alla violenza della pandemia di Covid19. La gestione degli ospedali confusa, il fallimento della medicina territoriale, la mancanza di dispositivi di protezione individuale per medici e infermieri, le drammatiche scelte sulle RSA, il flop dell’ospedale in Fiera a Milano. Per questo serve un cambiamento radicale, che superi la Legge 23 del 2015, che ha concluso nel peggiore dei modi il suo periodo di sperimentazione.
Una svolta possibile anche grazie ai soldi europei del MES che possono essere utiizzati senza condizionalità per il sistema sanitario. E’ questa la sintesi dell’iniziativa organizzata dal Partito Democratico Lombardo al Pirellone che ha visto la partecipazione di Nicola Zingaretti.

continua a leggere »

Al via la nuova fase della formazione continua

3 Luglio 2020 di fabio pizzul

Sono disponibili nuovi voucher per la formazione continua in azienda.
Regione Lombardia ha pubblicato l’avviso per l’accrescimento delle competenze della forza lavoro occupata nel territorio regionale, mediante la fruizione di corsi di formazione continua. Per i dipendenti che hanno sospeso l’attività lavorativa a causa dell’emergenza Covid-19, questa attività assume il valore di politica attiva. Il bando va nella direzione che anche come PD avevamo auspicato, ovvero quella di utilizzare risorse per aumentare le competenze dei lavoratori lombardi.

continua a leggere »

Un bilancio attendista e poco coraggioso

2 Luglio 2020 di fabio pizzul

E’ iniziato oggi in Commissione Bilancio il percorso dell’Assestamento per 2020, in vista della discussione in aula prevista per il 27 e 28 luglio prossimi. L’Assestamento di bilancio è il documento che stabilisce le somme a disposizione delle singole politiche regionali fino al prossimo 31 dicembre.
Un bilancio timido e difensivo, con Regione Lombardia che si imita ad attendere risorse dallo Stato e promette oltre 3 miliardi di investimenti pubblici scaricandone a terra, per il momento, solo 400 milioni.

continua a leggere »