Addio a un “milanese” innamorato del bello

2 Settembre 2020 di fabio pizzul

A 71 anni è morto Philippe Daverio.
Nato in Alsazia, amante del bello, raffinato e atipico storico dell’arte, cittadino d’Europa e del mondo, Daverio ha amato Milano e ha dato molto alla città che aveva eletto a sua dimora.
Assessore alla cultura con il sindaco leghista Formentini, è sempre stato uno spirito libero e autonomo, rifuggendo schemi e percorsi convenzionali.
Ci ha trasmesso la passione per l’arte e ha raccontato, da grande affabulatore, un’Italia che, anche grazie a lui, abbiamo scoperto più bella di quello che pensavamo. Con la sua originalità ha lasciato un segno che non dimenticheremo. A suo modo ha contribuito a rendere meno provinciale e chiusa Milano e l’Italia intera.
Più che di riposare in pace gli auguro di continuare a sognare e a camminare nelle per le vie di un cielo che ha evocato e raccontato attraverso la sua passione per la bellezza che si nutriva anche di alcuni vezzi, dal farfallino a stravaganti cappelli e mantelli.

Un commento su “Addio a un “milanese” innamorato del bello

  1. Luigi Massari

    Incontrai Philippe Daverio nel 1995. Era Assessore alla Cultura, ed in quella occasione parlammo della possibilità di realizzare un Museo dei Trasporti urbani a Milano.
    Le questioni tecniche dei trasporti non lo appassionavano, ma quella voglia di trasmettere storia, arte e cultura della città anche attraverso oggetti di uso quotidiano (i mezzi di trasporto) rientrava nei suoi modi, ben conosciuti dal grande pubblico negli anni successivi.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *