Un giorno importante per la scuola e per tutti noi

1 Settembre 2020 di fabio pizzul

Oggi è un giorno importante: riaprono le scuole.
Un giorno atteso e temuto.
Un giorno importante per il nostro presente e il nostro futuro.
Sei mesi senza attività didattica in presenza hanno lasciato un segno profondo nella nostra società e nel vissuto di ragazzi e insegnanti.
Si ricomincia e dobbiamo fare di tutto perché sia l’inizio di un cammino che non si interrompa.

Su un tema come quello della scuola dovrebbe esserci un impegno corale e unitario, ma la politica si è divisa anche su questo.
Il Governo poteva senza dubbio fare di più e prima, ma la prudenza messa in campo nel tracciare il percorso per la riapertura è necessaria e mai eccessiva. Ci vuole però anche il coraggio di guardare avanti e di osare nuove strade, compito non facile in un mondo sempre molto conservativo come quello scolastico.
C’è chi pensa di poter recuperare consenso cavalcando la lentezza e i presunti errori di chi aveva il compito di gestire la delicata fase di ripartenza del mondo della scuola. Non credo farà molta strada.
Da parte mia, faccio un grande in bocca al lupo a tutti gli insegnanti, ai collaboratori scolastici, al personale amministrativo e, soprattutto, ai dirigenti, cui spetta il difficile compito di gestire concretamente il nuovo inizio.
Mi pare ci sia una gran voglia di tornare a scuola, perché per troppi mesi è stata bloccata una delle più belle esperienze sociali ed educative che esistano.
Sono certo che ci sarà molta emozione, da parte di tutti, nel varcare la soglia della propria scuola.
E’ l’occasione per ribadire quanto la scuola sia importante e centrale l’intera società.
Dovrebbe dimostrarlo, prima di tutto, la politica che non ha perso, invece, l’occasione per azzuffarsi, mettendo, se possibile, ancora più in difficoltà anche il mondo della scuola.
Per parte nostra, come gruppo PD in regione, chiederemo l’attivazione di un punto sanitario in ogni scuola lombarda per far sì che si possa garantire la necessaria sicurezza e vigilanza. Non possiamo permetterci passi falsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *