Tamponi e vaccino antinfluenzale: due buone notizie.

16 Giugno 2020 di fabio pizzul

Qualcosa si muove nella sanità lombarda. Grazie alle insistenze del PD, la maggioranza ha convinto la giunta a tornare sui suoi passi e a correggere la rotta su alcune delle partite più importanti della gestione dell’emergenza Covid-19. Oggi il Consiglio regionale ha approvato due mozioni proposte dal PD da ormai qualche settimana. Le trattative sono state laboriose, ma l’indicazione dell’assemblea regionale è chiara: serve un cambio di passo nella gestione della medicina di territorio e va corretta la strategia su test sierologici e tamponi.

Mi limito, in questa sede, a sottolineare due risultati che mi paiono degni di nota.
La Giunta ha l’impegno di rendere “la vaccinazione anti-influenzale obbligatoria per i cittadini over 65, le categorie fragili e gli insegnanti, così da ridurre i fattori confondenti per il Covid-19 in presenza di sintomi analoghi. provvedendo all’immediato approvvigionamento” dei vaccini. Un passo importante per una regione che nella campagna vaccinale si è fermata al 48% di over 65 vaccinati contro una media nazionale del 53%.
Il secondo risultato riguarda i tamponi diagnostici per Covid-19. Fino ad oggi i cittadini che si sottoponevano privatamente a test sierologico, in caso di positività, erano costretti a pagarsi il tampone a un presso di 63 euro. Oggi il Consiglio regionale ha stabilito che questo tampone venga fornito dai centri privati e rimborsato dalla regione, senza quindi oneri per il privato cittadino. Si è posto rimedio a una stortura che in queste settimane ha dissuaso molti dal sottoporsi al test.
Due buoni risultati che ora la Giunta deve rendere al più presto operativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *