Viva i nostri sindaci!

28 Maggio 2019 di fabio pizzul

Tre spunti di riflessione post elezioni dopo aver valutato un po’ meglio anche il voto locale. E poi… Via verso i 14 ballottaggi previsti in Lombardia tra dieci giorni.

1 – gli elettori sono meno sprovveduti di quello che pensiamo: la distinzione tra voto europeo e voto amministrativo in alcuni casi é sorprendente. Dovremmo smetterla di pensare che sono gli elettori a dover cambiare, siamo noi che non riusciamo a fornire loro proposte credibili e motivi sufficienti per votarci.
2 – non possiamo rassegnarci alla differenza tra città e “campagna”: vincere in città e perdere in “campagna” in Italia significa perdere le elezioni. In città ci vedono per il semplice fatto che siamo nei palazzi, in TV o sui social, in “campagna” devono vederci fisicamente o appariremo sempre come lontani.
3 – il PD ha ottimi amministratori locali che, non a caso, vincono le elezioni: ascoltiamoli, valorizziamoli, stiamo loro vicini. Il partito dei sindaci non nascerà mai, ma non può esistere neppure un partito lontano dai suoi sindaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *