Arrestato un sottosegretario in Lombardia. Fontana deve spiegazioni.

7 Maggio 2019 di fabio pizzul

Un nuovo arresto colpisce la Giunta lombarda. Da questa mattina è agli arresti domiciliari il sottosegretario Fabio Altitonante che ha delega sul post-Expo. I provvedimenti di custodia cautelare riguardano una quarantina di persone tra cui il consigliere comunale milanese e candidato alle elezioni europee per Forza Italia Pietro Tatarella, unico a finire in carcere. L’inchiesta riguarderebbe ipotesi di corruzione, turbativa d’asta e finanziamento illecito.
All’inizio della seduta del Consiglio Regionale ho chiesto che il presidente Fontana venga urgentemente in aula a raccontare quello che sa di questa vicenda. A quanto si è saputo fin qui, Fontana sarebbe stato oggetto di un tentativo di corruzione da parte di un esponente di Forza Italia del varesotto. Al di là del merito e del fatto che Fontana non avrebbe denunciato l’accaduto, mi pare molto pesante la responsabilità politica del presidente della regione che ha scelto e mantenuto nel ruolo di sottosegretario (un ruolo di assoluta discrezionalità e fiducia) Altitonante.
La magistratura continuerà le indagini, ma Fontana non può sottrarsi a una responsabilità politica che, oltre che evidente, è molto pesante. Attendiamo che il presidente della regione batta un colpo, visto che regna un imbarazzato silenzio in tutto il centrodestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *