Bilancio 2019, quel che rimane è una pessima immagine

22 Dicembre 2018 di fabio pizzul

Il presidente della Lombardia Attilio Fontana ha ottenuto dalla sua maggioranza l’approvazione del bilancio per il 2019.
Un passaggio scontato, che ha dimostrato una volta di più la totale mancanza di idee della maggioranza a trazione leghista.
L’assessore al bilancio Caparini è rimasto solo a distribuire, con molta fatica ma indubbia abilità, contributi ai vari territori, ma la Giunta aveva alto per la testa, ovvero le nomine dei direttori generali della sanità.

Un bilancio senza idee per la Lombardia con qualche contentino, come dicevo, ai vari territori. 

Come Pd abbiamo ottenuto alcuni risultati non disprezzabili come, ad esempio:
– il fatto che i contributi per l’affitto delle case popolari agli over 75 siano allargati anche agli inquilini comunali (prima erano solo per case Aler)
– 6 milioni per la manutenzione delle sponde del Naviglio Grande
– 7 milioni per tpgliere barriere architettoniche nelecase popolari
– 800.000 euro all’anno per tre anni per l’Orchestra Verdi di Milano
– un piano di controllo delle opere pubbliche regionali (per la loro manutenzione)
– sostegno ai centri per l’impiego
– un impegno per aumentare i fondi per il diritto allo studio universitario
– la salvaguardia dei fondi per le cooperative-  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *