AIDS, un flagello sottovalutato

1 Dicembre 2018 di fabio pizzul

Oggi si celebra la 30^ Giornata mondiale dell’AIDS.
Il tema di quest’anno è “Conosci la tua condizione”. Il test sull’HIV aiuta le persone a fare scelte corrette riguardo la prevenzione della diffusione del virus per proteggere se stessi e gli altri.
Di AIDS si parla troppo poco: negli anni ’80 e ’90 era una malattia prevalentemente dei giovani, oggi non è più così. Soggetti anche piuttosto avanti negli anni, per la non percezione del rischio, giungono all’osservazione del medico quando la malattia, e quindi non solo la sieropositività, è molto avanti.
In Europa i numeri della diffusione della malattia mostrano un andamento costante, ma la diffusione di nuove sostanze stupefacenti, unitamente alla scarsa informazione, potrebbero portare potrebbe portare un incremento dei casi.
Ma ci sono anche altri problemi.

Medici Senza Frontiere critica, ad esempio, le aziende farmaceutiche per i ritardi e la mancata elaborazione di formulazioni appropriate. Tramite un comunicato stampa, MSF, fa sapere che “l’HIV pediatrico rimane una malattia trascurata, soprattutto in Africa. Essendo il mercato dei farmaci pediatrici limitato, questi non sono mai stati una priorità per le multinazionali farmaceutiche o per i produttori di generici. I ritardi hanno interessato sia lo sviluppo e l’introduzione di nuove formulazioni di farmaci pediatrici, sia il potenziamento delle formulazioni esistenti”.
Dallo scorso anno ad oggi, sempre secondo Medici Senza Frontiere, oltre ai “pochissimi progressi” da parte delle case farmaceutiche per migliorare l’accesso alle cure per bambini e adolescenti sieropositivi”, i Paesi in via di sviluppo hanno difficoltà a fornire i trattamenti raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Le versioni pediatriche di questi farmaci non sono infatti disponibili laddove ce ne sarebbe bisogno. Evidentemente non sono mercati particolarmente attraenti.
Il problema non è comunque solo pediatrico: nel mondo solo il 59% dei 36,9 milioni affetti da HIV hanno ricevuto cure corrette e complete nel 2017.

Il numero di persone affette da AIDS e gli obiettivi per i prossimi anni

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *