Un saluto (purtroppo l’ultimo) a Iolanda Nanni

29 agosto 2018 di fabio pizzul

Mentre pubblico questo post si stanno svolgendo, nella chiesa pavese di Santo Spirito, i funerali di Iolanda Nanni, morta nei giorni scorsi dopo un anno di lotta contro un tumore che l’ha letteralmente consumata, ma non certo scoraggiata. Iolanda era parlamentare del Movimento 5 Stelle ed è stata consigliera regionale dal 2013 al 2018.

Proprio in quest’ultima veste l’ho conosciuta apprezzandone il coraggio e la passione che le hanno consentito di portare in Consiglio regionale molte istanze, da quelle dei pendolari della linea Milano – Pavia – Mortara, di cui è stata riferimento per anni, a quelle sulle tante questioni calde del territorio pavese che ha rappresentato senza risparmiarsi, con veemenza e sfrontatezza.
Iolanda ha interpretato in modo coerente la stagione nascente del Movimento 5 Stelle, quella che ha portato ai grillini un consenso crescente a partire dalla scelta di mettersi al fianco di ogni battaglia territoriale, mostrandosi così vicini ai cittadini e diversi da una politica che accusavano di stare troppo chiusa nei palazzi e a difesa di non confessabili interessi.
Non so come si sia trovata davvero nei Palazzi, prima a Milano e poi, per un periodo troppo breve, a Roma, so di certo che Iolanda non ha mai perso la sa voglia di lottare e di spendersi per gli altri, mettendo anche in secondo piano la cura per e le preoccupazioni per se stessa.
Iolanda era stata molto provata dalla morte del padre, ma aveva avuto la forza di mantenere il suo spirito libero e combattivo che l’aveva portata ad accettare la sfida di una candidatura in Parlamento nonostante la malattia che stava galoppando dentro di lei.
Non ho condiviso molte delle sue posizioni e, spesso, le modalità con cui le ha portate avanti.
Ho ammirato il suo coraggio e la sua passione.
Riposa in pace, cara Iolanda, che la terra che hai amato e per cui ti sei battuta ti sia lieve e che il tuo spirito libero possa ancora ispirare coloro che raccoglieranno il tuo testimone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *