Da mesi senza stipendio: agitazione a Omnimilano

28 marzo 2018 di fabio pizzul

Da ormai più di un decennio Milano può contare su un’agenzia di stampa che segue con particolare attenzione l’attività delle diverse istituzioni e offre puntuali notizie sulla cronaca cittadina e regionale. Ora su Omnimilano soffiano preoccupanti e insistenti venti di crisi. E’ importante non disperdere le competenze e la professionalità dimostrate in questi anni.

Da novembre 2016, si legge in un comunicato, ai giornalisti dipendenti di Omniroma e Omnimilano, testate facenti capo a Ediroma Srl, sono applicati i contratti di solidarietà con una pesante decurtazione delle retribuzioni. Una misura chiesta dall’azienda per far fronte a una grave crisi debitoria maturata negli anni, senza che i lavoratori ne fossero doverosamente informati, e che ancora non sembra trovare soluzione.
I giornalisti di Omnimilano, dopo un’assemblea congiunta tra le varie sedi, hanno dato mandato ai rappresentanti sindacali di dichiarare lo stato di agitazione mettendo a disposizione un pacchetto di sette giorni di sciopero da proclamarsi in assenza di risposte puntuali da parte dell’azienda.

La decisione arriva dopo mesi di continue incertezze e accumulo di arretrati nei pagamenti degli stipendi, mesi durante i quali i dipendenti e i collaboratori hanno responsabilmente proseguito con impegno il proprio lavoro, consapevoli delle difficoltà generali del settore e con la volontà di salvaguardare un’esperienza editoriale che hanno contribuito a creare con molti sacrifici nel corso degli anni.

I contratti di solidarietà non hanno, al momento, consentito alcun recupero degli stipendi arretrati e men che meno, a quanto si sa, un miglioramento della situazione debitoria. I dipendenti, a questo punto, chiedono garanzie sul regolare pagamento dei prossimi stipendi e dei compensi dei collaboratori esterni.
A nome del’intero gruppo regionale lombardo del PD, esprimo solidarietà ai giornalisti della testata Omnimilano che si trovano da troppo tempo in una situazione di crisi e precarietà, professionale e retributiva. Auspico che si trovi quanto prima una soluzione tra le parti e si componga la crisi. Non possiamo davvero permetterci di disperdere il lavoro e la professionalità dei giornalisti di Omnimilano che hanno sempre seguito con attenzione le vicende delle istituzioni territoriali milanesi e lombarde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *