Una bandiera azzurra per le città amiche della corsa e del cammino

4 ottobre 2017 di fabio pizzul

La vita sedentaria è causa di almeno 3,2 milioni di morti nel mondo ogni anno.
Oltre 24 milioni di italiani (pari al 42% della popolazione) si dichiarano completamente sedentari.
Non vuole essere una sorta di sillogismo del malaugurio, ma sono dati che fanno riflettere: A partire da questi numeri la Fidal (Federazione Italiana Atletica Leggera) e l’Anci (Associazione Nazione Comuni Italiani) hanno ideato la “Bandiera azzurra”, un progetto presentato oggi a Milano con un obiettivo ambizioso: promuovere una rete di comuni amici della corsa e della camminata.

Il concetto è semplice. Le nostre città possono diventare vere e proprie palestre a cielo aperto per attività immediate e salutari come il camminare e il correre.
L’intento è di moltiplicare i già tanti parchi urbani certificati che permettono di svolgere queste attività in sicurezza e con servizi adeguati.
Per ottenere la bandiera azzurra della Fidal una città deve dimostrare di:
– avere a cuore la salute e il benessere dei propri cittadini
– offrire spazi e percorsi verdi certificati, curati e riqualificati
– garantire eventi in cui promuovere la pratica dell’atletica negli spazi verdi urbani
– essere “Città della corsa e del cammino” per accogliere tutti coloro che vogliono praticare queste attività nella propria vita quotidiana o in vacanza.
Ideatore del progetto è Maurizio Damilano, olimpionico di marcia che ha spiegato i dettagli dell’iniziativa oggi a Palazzo Marino assieme all’assessore allo sport di Milano Roberta Guaineri, al vicepresidente ANCI Roberto Pella e ai responsabili della Fidal servizi.
“Bandiera azzurra” offrirà alle città aderenti la certificazione dei parchi, eventi speciali, una app per chi corre e cammina, una guida delle “Città della corse e del cammino”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *