Ai liberi e forti 100 anni dopo

18 Gennaio 2019 di fabio pizzul

Cento anni fa, con l’Appello ai liberi e forti, nasceva la prima forma strutturata di impegno politico dei cattolici italiani, il Partito Popolare. Un vero cambio d’epoca per l’Italia.
Le parole hanno il peso degli anni, ma i contenuti stimolano ancora oggi una riflessione aperta al futuro.
Per questo vogliamo farli risuonare ancora.

A 100 anni di distanza, rileggiamo assieme l’Appello ai liberi e forti

Quando il popolo è confuso

16 Gennaio 2019 di fabio pizzul

“Temo l’indifferenza con cui il male si impadronisce delle nostre paure per trasformarle in rabbia. Temo l’astuzia che si serve dell’ignoranza. Temo la vanità che avvelena gli arrivisti. Temo l’orizzonte angusto dei luoghi comuni, delle risposte frettolose, dei richiami gridati. Il male ama l’ordine fine a se stesso, la potenza, la ricchezza; lo Spirito, invece, è fuoco, è libertà vigile, è sorpresa e incontro. Il male invecchia, arrabbiato e stanco; il bene è una giovane primavera”.
Parole che reputo molto belle e che ha pronunciato il cardinal Bassetti nella sua introduzione ai lavori del Consiglio permanente della Conferenza Episcopale Italiana riunito in questi giorni a Roma.
Un discorso rivolto ai vescovi, ma con una forte carica umana e sociale e lo sguardo rivolto al’Italia.
“Ai liberi e forti di oggi dico: lavorate insieme per l’unità del Paese, fate rete, condividete esperienza e innovazione”.
Sono 4 pagine che vi consiglio di leggere.

Che fine faranno le infrastrutture in Lombardia?

15 Gennaio 2019 di fabio pizzul

  • Giorgio: Un paio di osservazioni: sono bruciati degli stoccaggi, non ...
  • Fabio Mastellone: Condivido le tue parole Fabio e faccio i miei migliori augur...
  • Chiara: Crescita economica e giustizia sembrano essere le parole chi...
  • Marco: Errata corrige: malincuore si scrive con la c....
  • Marco: Caro Fabio, non capisco molte cose di questa fase precongres...
  • Fabio Mastellone: Grazie. Io sarò presente alle fasi di votazione. Tutti insie...
  • Fabio Mastellone: Ciao Fabio. Posso condividere le tue considerazioni. L'educa...