Una cordata per i giovani

21 Gennaio 2022 di fabio pizzul

Una risposta all’emergenza educativa e al disagio giovani che è esploso anche a causa della pandemia. E’ l’obiettivo di «Missione possibile. Una cordata educativa al passo con i giovani», un percorso di collaborazione tra 15 realtà collegate alla Diocesi di Milano che proporranno iniziative di formazione e approfondimento per i giovani attraverso una collaborazione tra oratori, scuole, società sportive, terzo settore, volontariato e famiglie. Il Manifesto della cordata propone alcune parole guida come fiducia, accoglienza, corresponsabilità, cura, reciprocità e comunità e intende promuovere una maggiore consapevolezza di come solo grazie a un impegno corale dell’intera comunità cristiana e civile sia possibile offrire sponde a giovani che la mancanza di relazioni e attività sociali ha reso sempre più fragili e isolati. La violenza esplosa negli scorsi mesi è figlia anche di questi problemi: non va solo repressa, ma eliminata grazie all’ascolto e alla relazione con i giovani.
La presentazione della cordata dal sito della diocesi di Milano

Memoria e giustizia per ambasciatore Attanasio

19 Gennaio 2022 di fabio pizzul

L’arresto in Congo dei presunti assassini dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci è una notizia positiva che giunge a quasi un anno dalla loro morte. E’ importante che le indagini, però, non si fermino e che siano ricostruiti tutti i dettagli della vicenda. Vanno chiarite eventuali sottovalutazioni delle condizioni di pericolo che la missione presentava e per questo è necessaria la massima collaborazione di tutti coloro che sono coinvolti nella triste vicenda. continua a leggere »

Sport e Covid: nuove regole per tornare a giocare

18 Gennaio 2022 di fabio pizzul

Dopo qualche giorno di confusione, con una nota della Federazione dei Medici di Medicina Sportiva che circolava senza essere stata approvata dal CTS nazionale, arrivano finalmente le nuove regole per la ripresa dell’attività sportiva, il “return to play”, dopo il contagio da Covid-19.
La principale novità è che gli atleti guariti non dovranno attendere un mese prima di riprendere l’attività, ma sarà sufficiente far passare una settimana dall’avvenuta guarigione per procedere a una nuova visita per l’idoneità sportiva.
Le indicazioni sono già operative, anche se potrebbe essere necessaria una comunicazione delle ATS delle diverse province ai centri di medicina lombarda. Domattina provvederò a verificare che l’eventuale comunicazione avvenga quanto prima.
Nel documento che allego trovate tutte le procedure da seguire.

Indicazionipergarantireilcorrettosvolgimentodellecompetizionisportive

return to play – uno schema riassuntivo