Archivio categoria: Ultimissime

Il no a Milano Pride 2018: un errore che causa solo inutili divisioni

21 maggio 2018 di fabio pizzul

Oggi l’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale ha negato la concessione del patrocinio gratuito alla manifestazione Milano Pride 2018, in programma per il 30 giugno prossimo. Il patrocinio è stato bloccato con tre voti contro (Forza Italia e Lega). A favore Pd e Movimento 5 stelle.
Credo si tratti di un grave errore della maggioranza, generato solo da motivi ideologici e di parte.
Sarebbe stato doveroso per la Regione riconoscere il valore di una manifestazione che promuove la tolleranza.
Riconoscere i diritti e sostenere chi li difende incrementa il capitale sociale e non danneggia nessuno.
Un’istituzione come il Consiglio regionale non può continuare a dividere e deve rappresentare tutti.

Un altro treno bloccato. Non sarà una notizia, ma ora basta.

11 maggio 2018 di fabio pizzul

Ricevo e rilancio le considerazioni di un pendolare di fronte all’ennesimo guasto sulla linea Milano Como Chiasso.

Anche questa sera treno fermo in linea e direttrice bloccata. Questa volta si tratta del 25526 delle 17,10 da Milano.
Siamo ormai oltre i cronici ritardi. Con i continui guasti sui binari del materiale vetusto e senza un’adeguata manutenzione il sistema è vicino alla paralisi. Un servizio affidato senza gare, un management evidentemente inadeguato e i viaggiatori sono abbandonati in sperdute stazioni o sui binari. Non bastano più le dichiarazioni, chi ha la responsabilità deve assumere decisioni anche operative.
La regione, visto che in questi giorni l’assessore è silente, se c’è si faccia sentire. Questo non esime dalla responsabilità l’altro socio, Trenitalia.
Il trasporto ferroviario di regione Lombardia non può essere svolto con questi materiali, i tempi di consegna dei nuovi treni programmati non possono risolvere il problema. È necessario un piano straordinario. Se il gestore non è in grado di garantire nè il personale nè il materiale per svolgere il servizio garantito dal contratto, la regione ha il dovere di impugnare il contratto stesso. I viaggiatori non possono più essere trattati con questa sufficienza dalla regione.

Una pioggia di assessori e sottosegretari

29 marzo 2018 di fabio pizzul

Sedici assessori e quattro sottosegretari. La nuova giunta Fontana ha fatto il tutto esaurito. È la più numerosa possibile secondo le leggi, è fatta interamente da politici e non sembra legata a criteri di competenza, ma questo aspetto lo verificheremo sul campo. L’influenza delle segreterie politiche l’ha fatta da padrona a dispetto degli interessi dei lombardi. È una giunta in cui a contare davvero è la Lega di Salvini, mentre il resto del Centrodestra si deve accontentare di ciò che gli è stato gentilmente concesso. Rimane da chiedersi se gli assessori avranno reale autonomia e soprattutto se l’avrà Fontana da Salvini e dalle logiche romane. A Fontana e ai nuovi assessori auguro comunque buon lavoro.

Il documento della direzione nazionale PD dopo il voto del 4 marzo 2018

13 marzo 2018 di fabio pizzul

Qui di seguito il documento approvato (con 7 astenuti) dalla Direzione Nazionale del PD riunita ieri a Roma.

La direzione nazionale del Partito Democratico:

– prende atto delle dimissioni del segretario e lo ringrazia per il lavoro e l’impegno appassionato di questi anni alla guida del Partito, nella sfida politica e di governo intrapresa sempre con grande determinazione;

– assume come avvio del confronto la relazione del vicesegretario (qui sotto il link al testo) che svolgerà le funzioni di Segretario fino all’Assemblea nazionale convocata – come da Statuto – dal Presidente, e condivide le proposte avanzate sulla gestione collegiale dei prossimi passaggi politici.

– riconosce l’esito negativo del voto, garantisce il pieno rispetto delle scelte espresse dai cittadini e al Presidente della Repubblica il proprio apporto nell’interesse generale. Il Partito Democratico si impegnerà dall’opposizione, come forza di minoranza parlamentare, riconoscendo che ora spetta alle forze che hanno ricevuto maggior consenso l’onore e l’onere di governare il paese;

– chiama a un impegno straordinario le federazioni regionali, provinciali e i circoli per promuovere a ogni livello il più ampio confronto di analisi e proposta per individuare insieme il percorso da seguire per il rilancio del Partito Democratico nella società italiana.

Il coraggio di ripartire, insieme – Intervento di Maurizio Martina in Direzione –

Elezioni regionali Lombardia: percentuali e seggi

8 marzo 2018 di fabio pizzul

RISULTATI DEFINITIVI ELEZIONI REGIONALI 2018 – LOMBARDIA

 

FONTANA ATTILIO
ELETTO PRES.
2.793.370 49,75

 

LEGA   1.553.798 29,64 28
FORZA ITALIA   750.746 14,32 14
FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI   190.834 3,64 3
FONTANA PRESIDENTE   76.644 1,46 1
NOI CON L’ITALIA – UDC   66.357 1,26 1
ENERGIE PER LA LOMBARDIA   27.970 0,53 1
PARTITO PENSIONATI   20.261 0,38

 

GORI GIORGIO
ELETTO CONS.
1.633.367 29,09

 

PARTITO DEMOCRATICO   1.008.602 19,24 15
GORI PRESIDENTE   158.691 3,02 2
+EUROPA   108.755 2,07
LOMBARDIA PER LE AUTONOMIE   62.844 1,19
ITALIA EUROPA INSIEME   35.074 0,66
CIVICA POPOLARE   20.668 0,39
LOMBARDIA PROGRESSISTA   20.040 0,38

 

VIOLI DARIO   974.984 17,36

 

MOVIMENTO 5 STELLE   933.346 17,80 13

 

ROSATI ONORIO   108.407 1,93

 

LIBERI E UGUALI   111.306 2,12

DE ROSA ANGELA
  50.368 0,89

 

CASAPOUND ITALIA   45.416 0,86

 

GATTI MASSIMO ROBERTO   38.194 0,68

 

SINISTRA PER LA LOMBARDIA   35.716 0,68

 

ARRIGHINI GIULIO   15.791 0,28

 

GRANDE NORD   13.791 0,26

 

 

TOTALE Candidati Presidente 5.614.481 100,00 78
Liste Circoscrizionali 5.240.859  

 

I MIEI APPUNTAMENTI ELETTORALI

23 febbraio 2018 di fabio pizzul

In questa pagina trovate gli appuntamenti che ho già in agenda da qui al 3 marzo, giorno di chiusura della campagna elettorale per le regionali in Lombardia.
Se avete intenzione di organizzare un incontro sul vostro territorio o di invitarmi a un mercato o a qualche altra iniziativa, avete così modo di capire quale siano le date e gli orari disponibili.
Prima mi aiutate a riempire l’agenda, meglio riesco ad organizzarmi.
Per bloccare una data in agenda potete scrivermi all’indirizzo
regionali2018@fabiopizzul.it
o chiamarmi al numero 391.1349217

Il 27 febbraio ho dovuto interrompere la campagna elettorale a causa di un incidente in moto.

Ringrazio tutti coloro che stanno continuando a darmi una mano: un grande segnale  amicizia e sostegno.

Più trasporti in Lombardia

9 febbraio 2018 di fabio pizzul

Il disastro di Pioltello ha evidenziato la fragilità del sistema ferroviario lombardo. Ogni giorno 770.000 persone utilizzano i treni per viaggiare verso Milano e le altre città della Lombardia. Le condizioni in cui viaggiano sono spesso indecenti e, negli ultimi anni, ci si è limitati a gestire l’esistente, senza grandi investimenti su nuovi treni e sull’ammodernamento della rete.
Non è un caso che Maroni, in un estremo tentativo di salvarsi la faccia, abbia fatto approvare un investimento da oltre 1 miliardo e mezzo di euro per acquistare nuovi treni che arriveranno entro il 2035. E’ la chiara prova che per troppi anni sono mancati investimenti adeguati.
Ben vengano i nuovi treni, anche se i primi arriveranno tra tre o più anni, ma è necessario programmare interventi significativi anche sulla manutenzione e sul potenziamento della rete: il far viaggiare treni nuovi su una rete vecchia rischia di accrescere le criticità del servizio.
Da anni ci si palleggia le responsabilità riguardo i mancati investimenti, ma a chi utilizza il treno non interessa un granché sapere chi avrebbe dovuto agire. Il sistema ferroviario è uno e come tale va gestito, abbandonando divisioni e rivalità e coinvolgendo fino in fondo nella gestione anche la città di Milano o, se preferite, la Città Metropolitana. La concorrenza potrebbe essere un elemento per innalzare la qualità, ma in Lombardia negli ultimi anni non c’è stata concorrenza quanto rivalità latente tra i diversi soggetti del trasporto. Regione Lombardia, proprietaria di Ferrovie Nord, deve potersi confrontare con i grandi player del trasporto pubblico europeo e non limitarsi soltanto alla gestione di una rete che sta diventano sempre più vecchia e di un servizio che fatica a garantire gli standard minimi previsti.
A forza di accontentarsi di ciò che già c’è, si finisce per perdere di vista il fatto che i livelli di servizio garantiti altrove (soprattutto in Europa) sono sempre troppo più avanzati rispetto ai nostri. E spesso, viaggiando in altre regioni italiane, si scopre che il servizio ferroviario lombardo non è poi così all’avanguardia.

Se vuoi approfondire l’argomento o darci una mano in campagna elettorale, scrivimi a regionali2018@fabiopizzul.it

Per sapere come si vota clicca QUI

Gioco d’azzardo: basta col business

9 febbraio 2018 di fabio pizzul

Il gioco d’azzardo è diventato uno dei business più redditizi in Italia; il giro di affari si aggira ormai intorno ai 100 miliardi di euro all’anno.
Con il crescere del business sono però aumentati in modo esponenziale anche i problemi legati al gioco d’azzardo, dalla dipendenza patologica ai problemi economici che suscitano difficoltà di relazione e, sempre più spesso, crisi familiari. I costi sociali di questo abuso del gioco sono enormi e superano di molti i pur significativi introiti fiscali del gioco leale. Molto attiva in questo campo è la Campagna Nazionale “Mettiamoci in gioco” che propone ai candidati alle elezioni di sottoscrivere almeno 4 impegni.
Per quanto mi riguarda. Li sottoscrivo con convinzione.
La Campagna chiede un impegno preciso su 4 punti:
1 – Pubblictà zero
Divieto assoluto della pubblicità per il gioco d’azzardo su tutti i media e in tutti i luoghi pubblici
2 – Meno giochi, meno perdi
Tagliare di almeno un terzo l’offerta del gioco d’azzardo in Italia
3 – La salute dei cittadini prima del business e delle entrate erariali
Va garantita a Regioni ed Enti Locali la possibilità di regolamentare la dislocazione delle sale da gioco e limitarne gli orari di apertura, nell’ottica di tutela della salute dei cittadini
4 – Diritto alla cura
Vanno aumentate le risorse a disposizione dei servizi di assistenza a chi ha problemi legati al gioco, per seguire al meglio i casi problematici e agire sul versante della prevenzione.

Se vuoi approfondire l’argomento o darci una mano in campagna elettorale, scrivimi a regionali2018@fabiopizzul.it

Per sapere come si vota clicca QUI