Archivio categoria: News

Don Melesi: un uomo che ha reso credibile il Vangelo

12 luglio 2018 di fabio pizzul

Un uomo che ha creduto e ha reso credibile il Vangelo, uno che ci ha messo la faccia pagando di persona e non ha mai avuto paura a stare vicino a chi ha sbagliato. Con queste tre notazioni don Giuliano Giacomazzi, ispettore dei Salesiani per la provincia Lombarda e dell’Emilia Romagna ha ricordato oggi a Milano don Luigi Melesi, scomparso due giorni fa a Lecco all’età di 85 anni.
continua a leggere »

Una nuova “età dei Lumi” per la Lombardia

11 luglio 2018 di fabio pizzul

Vi propongo i miei interventi in aula in occasione della discussione del PRS, il Piano Regionale di Sviluppo, il documento che segna le linee programmatiche della Giunta Fontana per l’XI legislatura regionale.

Molta continuità con le giunte precedenti, poche idee per il futuro della Lombardia e un lungo elenco di cose che si vorrebbero fare.
Il PD ha votato contro a un PRS compilativo e poco propulsivo.
Dopo il manierismo dell’ultimo Formigoni, il formale barocco di Maroni e l’idealizzata Arcadia di Fontana, alla Lombardia servirebbe davvero una nuova “età dei Lumi”.

Candy: “fatti, non parole”!

3 luglio 2018 di fabio pizzul

I lavoratori della Candy di Brugherio guardano con preoccupazione alla scadenza del 23 settembre. In quella data si conclude il contratto di solidarietà che coinvolge 504 lavoratori della fabbrica e 176 amministrativi. L’azienda ha dichiarato 285 esuberi su 873 dipendenti.
Non è facile dire che cosa accadrà dal 24 settembre.
continua a leggere »

I lavori in Consiglio: olimpiadi invernali e navigazione sui laghi

3 luglio 2018 di fabio pizzul

La mozione è stata rinviata in Commissione per una discussione più approfondita, preso atto del fatto che anche la maggioranza auspica che si possa giungere alla regionalizzazione della navigazione sui laghi. Il problema è che sarebbe stato già possibile da anni giungere alla regionalizzazione della navigazione interna, ma non si è mai riusciti a raggiungere questo obiettivo. La Lombardia chiede maggiore autonomia su molte materie, ma finora non l’ha ottenuta neppure su ciò che che aveva già a portata di mano. Sarà anche colpa di lentezze romane, ma la Lombardia non mi pare si sia mossa con grande convinzione ed efficienza.

La mozione, con l’inserimento della frase “in massima trasparenza” nella parte finale del testo, è stata approvata senza il voto dei 5 Stelle, che non hanno partecipato alla votazione dichiarando che non potevano esprimersi senza conoscere i dettagli del dossier di presentazione della candidatura (la presentazione del quale spetta al Comune di Milano). Trattandosi di un voto politico, hanno detto ancora i 5 Stelle, non se la sono sentita di prendere posizione, forse perchè, aggiungo io, una posizione politica univoca forse non ce l’hanno.