Archivio dell'autore: fabio pizzul

Mangia il tuo pane con gioia e bevi il tuo vino con allegria

21 agosto 2018 di fabio pizzul

Dodici ore di lettura comune e continua di testi sacri per rilanciare l’attività del Refettorio Ambrosiano.
Il 16 settembre 2018 per 12 ore, dalle 10 alle 22, nel Refettorio Ambrosiano donne e uomini di diverse confessioni religiose si alterneranno nel declamare testi sacri alla propria fede e cultura. Testi che hanno formato la coscienza di generazioni e generazioni di bambini, giovani, adulti, anziani, famiglie. Testi che rischiano, per ignoranza e per pigrizia, di essere dimenticati sugli scaffali delle nostre pareti di casa, ma soprattutto dalla nostra memoria. continua a leggere »

Il disastro di Genova e la necessaria responsabilità

16 agosto 2018 di fabio pizzul

Ora dopo ora la dimensione del disastro di Genova si staglia in tutta la sua assurda tragicità.
Le storie delle vittime, tra cui purtroppo c’è anche Angela Zerilli, funzionaria della Direzione Cultura di Regione Lombardia (un abbraccio ai suoi familiari e amici), raccontano l’irrompere improvviso della morte in una giornata di lavoro o durante il viaggio verso le vacanze. Non è possibile e non è giusto vedersi piombare addosso la morte in questo modo: in un Paese che voglia definirsi civile e moderno non possiamo permetterci una tragedia così.
Come non possiamo permetterci sbrigativi e rassicuranti proclami che hanno l’obiettivo di individuare sommariamente colpevoli o fornire rassicurazioni riguardo (im)possibili soluzioni draconiane per sistemare una fragilità infrastrutturale divenuta ormai endemica.
Sentire, poi, esponenti del Governo addossare ad altri colpe o collusioni non rassicura riguardo l’effettiva possibilità di trovare la necessaria unità per rispondere a questa emergenza.
Credo pertanto abbia fatto bene l’ex premier e segretario del PD Matteo Renzi a fare alcune precisazioni sul suo profilo Facebook. Per chi non le avesse già intercettate, le riporto qui di seguito con l’augurio che, a partire dal disastro di Genova, si possa davvero inaugurare una fase di responsabilità istituzionale e la si smetta di tentare solo scaricare sul altri responsabilità che vanno certo individuate ma sono, in ultima analisi, dello Stato e di chi lo rappresenta. continua a leggere »

Il crollo del viadotto a Genova

14 agosto 2018 di fabio pizzul

Il crollo del viadotto Morandi a Genova lascia attoniti e sconcertati.
Il pensiero va alle persone coinvolte e alle loro famiglie, con l’augurio che l’opera encomiabile dei soccorritori possa contribuire ad alleviare il bilancio che, tra vittime e feriti, si annuncia pesantissimo. La macchina dei soccorsi si sta muovendo con tempestività ed efficienza, anche dalla Lombardia, ma, passata l’emergenza, sarà necessario interrogarsi seriamente sulle nostre infrastrutture. continua a leggere »

Che cosa c’è dietro lo stop al Piano Periferie?

10 agosto 2018 di fabio pizzul

Questi giorni di agosto sono stati riempiti dalle polemiche su un galeotto emendamento al Milleproroghe che ha congelato i fondi del Piano Periferie per aprire ad altri comuni la possibilitá di effettuare investimenti in deroga al patto di stabilità, purchè possano vantare avanzi nello scorso bilancio. Un provvedimento che desta molte perplessità e che è stato molto sottovalutato dall’aula del Senato, visto che l’emendamento è stato approvato all’unanimità. Il Milleproroghe deve comunque ancora passare alla Camera e ci sono ampi margini per correggere il tiro.
continua a leggere »

Telecamere negli asili: è vera sicurezza?

6 agosto 2018 di fabio pizzul

Telecamere per garantire la sicurezza dei minori che frequentano asili nido in Lombardia.
Lo stabilisce un progetto di legge approvato dalla Giunta nella seduta dello scorso 2 agosto. Per diventare legge il provvedimento dovrà ora passare all’esame del Consiglio regionale.
Ma davvero la sicurezza dei minori in un asili può essere garantita dall’installazione di telecamere? continua a leggere »

Il blitz su Lombardia Informatica

3 agosto 2018 di fabio pizzul

Da tempo si discute sul ruolo e l’efficacia di Lombardia Informatica, la società controllata da Regione Lombardia incaricata di gestire tutto ciò che ha a che fare con i servizi informatici della regione. Qualcuno la definisce un carrozzone, altri si lamentano per i servizi offerti, la stessa Corte dei Conti della Lombardia ha sottolineato come le se funzioni possano in parte sovrapporsi a quelle di ARCA, l’Agenzia Regionale Centralizzata per gli Acquisti.
Il PD, fin dal mese di aprile, ha chiesto l’istituzione di una Commissione speciale per il controllo e la riforma delle partecipate (Lombardia Informatica compresa).
Il presidente Fontana aveva chiesto tempo per valutare la situazione e aveva promesso che poi si sarebbe confrontato anche con le minoranze.
Lunedì scorso, a pochi minuti dal voto sul bilancio, è arrivato un emendamento della Giunta che prevede l’assorbimento di Lombardia Informatica in ARCA. E’ stato votato dalla maggioranza senza che ci potesse essere alcun approfondimento o discussione.
Un vero e proprio blitz che ha esautorato, di fatto, il Consiglio.