Lo scippo sventato. Arriva la legge per le emittenti locali lombarde

12 gennaio 2018 di fabio pizzul

Scrivevo un paio di giorni fa di 70mila euro che la Giunta aveva fatto suoi, nonostante il Consiglio li avesse destinati al finanziamento di una nuova legge a sostegno dell’emittenza locale lombarda. La situazione si è, per fortuna, chiarita e la legge per le radiotelevisioni locali ha ottenuto ieri il via libera dalle commissioni Attività produttive e Bilancio.

Andiamo con ordine.
Il presidente Maroni nella Giunta regionale dell’8 gennaio annunciava la prossima pubblicazione sulla piattaforma Sintel di una nuova manifestaziome di interesse per le radio e tv locali che volessero trasmettere programmi in cui la stessa Giunta potesse comunicare la sua attività. Nel 2017 il bando era dotato di 150mila euro, ma nel 2018 sarebbe salito a 220mila grazie all’approvazione, nella legge di bilancio per il 2018 votata dal Consiglio a fine dicembre, di un ulteriore stanziamento di 70mila euro.
Peccato che quei 70mila euro erano stati destinati dal Consiglio al finanziamento della nuova legge per l’emittenza locale che, all’epoca del voto del bilancio, era in discussione in un gruppo di lavoro della IV commissione.
Per questo mi sono permesso di denunciare quello che definivo un vero e proprio scippo di risorse.
Ieri, in commissione Bilancio, lo scippo è stato sventato, ovvero la Giunta è tornata sui suoi passi e ha restituito i 70mila euro che sono così diventati la scarsa dotazione finanziaria a disposizione della legge sulle radio e tv locali.
Meglio così.
Qualcuno, leggendo sul Corriere la mia lamentela, si è convinto che volessi togliere 70mila euro alle TV locali, ma è accaduto esattamente il contrario: ho ottenuto che non finanziassero la comunicazione istituzionale della Giunta e venissero messi a disposizione delle emittenti locali attraverso bandi che la Giunta pubblicherà sulla base della nuova legge che approveremo martedì durante l’ultima seduta di Consiglio regionale della X legislatura.
Abbiamo così posto rimedio a una distrazione della Giunta che poteva pregiudicare l’approvazione della prima normativa organica a favore delle emittenti locali in Lombardia.
I fondi di questa legge andranno ad aggiungersi alle provvidenze distribuite tramite Corecom e agli investimenti in comunicazione istituzionale.
Devo riconoscere al collega di Fratello d’Italia Riccardo De Corato, che sarà cone me relatore in aula del provvedimento, di aver avuto grande tenacia nel far sì che la legge potesse essere approvata entro la fine della legislatura.
Nei prossimi giorni pubblicherò il testo che prende spunto da una proposta che depositai nel 2014 e da un’analoga legge già in vigore in Regione Lazio.
Peccato che i soldi a disposizione siano una miseria e rappresentino quasi una presa in giro per le emittenti lombarde. Ma avere una legge è un passo importante, perchè consentirà a chi vincerà le elezioni di finanziarla in modo più degno e costante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *