Che possiate affrontare il 2018 con lo spirito giusto

31 dicembre 2017 di fabio pizzul

Lo Spirito c’è, opera dappertutto, c’è e opera prima di noi, meglio di noi, più di noi.
Una delle tentazioni sottili e perfide del Maligno è quella di farci dimenticare la presenza dello Spirito, di farci cadere nella tristezza come se Dio ci avesse abbandonato in un mondo cattivo, contro il quale lottiamo ad armi impari, perché l’indifferenza, l’egoismo e la dimenticanza di Dio hanno a poco a poco il sopravvento.
E’ questo un grave peccato “contro lo Spirito santo”, che nega in pratica la sua forza e la sua capacità pervasiva, la sua penetrazione come vento e come soffio in tutti i meandri della storia.
Al contrario, la fiducia nel Signore che “ha un popolo numeroso in questa città” promuove un discernimento realistico sulle condizioni positive e negative della fede nel nostro mondo, senza indulgere né a vuoti ottimismi né a sterili pessimismi. Lo Spirito santo fa intravedere quella rete di relazioni di amore che lui sta formando nel mondo e che è riflesso di quella rete di amore che è la Trinità santa.
Carlo Maria Martini, Tre racconti dello Spirito, 1997

Un augurio di buon 2018 a tutti voi: le parole del cardinal Martini possono essere facilmente rilette secondo uno spirito laico e civile di cui abbiamo grande bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *