Di rinvio in rinvio, vuoi vedere che Maroni…

27 aprile 2017 di fabio pizzul

Ennesimo rinvio del processo a carico di Roberto Maroni.
Anche quest’oggi il rinvio è dovuto a motivi di salute dell’avvocato Ajello difensore del presidente lombardo.
Il pm oggi, però, ha voluto sottolineare il suo disappunto: “Se ogni volta per un’udienza c’è un problema di salute, questo processo, che è fermo da più di due mesi, rischia di rimanere fermo al palo fino alla primavera del 2018”.
Il pm Eugenio Fusco, facendo un implicito riferimento al periodo in cui in Lombardia si voterà per il rinnovo di Giunta e Consiglio, è intervenuto in aula sulla nuova istanza di legittimo impedimento per motivi di salute, la terza consecutiva dallo scorso marzo, presentata dal legale di Maroni, Domenico Aiello.
Il processo vede tra gli imputati il governatore lombardo per presunte pressioni per far ottenere un viaggio a Tokyo e un contratto a due sue ex collaboratrici.
Il sospetto, che potremmo definire a questo punto a sua volta legittimo, è che Maroni voglia tirarla in lungo per evitare inciampi nella sua azione amministrativa collegati all’applicazione della legge Severino nel caso di sua condanna al termine del procedimento.
Qualcuno comincia anche a dire che, con un’eventuale condanna, Maroni sarebbe difficilmente candidabile per un secondo mandato e credo che già ci sia qualcuno nel centro-destra che cominci a fare un pensierino all’eventuale candidatura.
A meno che, la ricandidatura di Maroni non arrivi prima della fine del processo…

Un commento su “Di rinvio in rinvio, vuoi vedere che Maroni…

  1. Pierluca Meregalli

    Comunque la salute di Maroni appare troppo malferma per consentirgli una attiva vita come uomo politico

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *