Maggioranza in stallo sul Difensore civico regionale

19 aprile 2017 di fabio pizzul

Una maggioranza allo sbando che non pare più in grado di governare la Lombardia. Questo è quanto emerge dalla seduta del Consiglio regionale di oggi: era prevista la nomina del Difensore civico regionale e di otto Collegi sindacali di aziende ed enti tra cui Asam, Finlombarda, Fondazione regionale per la ricerca biomedica e Pio Albergo Trivulzio.
Quanto al difensore civico, la legge e il buon senso chiederebbero che sul suo nome si trovasse un accordo ampio in seno al Consiglio; al momento questo non è avvenuto.
Fin dall’inizio della seduta, la maggioranza aveva dichiarato di non essere pronta per il voto sui collegi sindacali.
Per il difensore civico si è proceduto al voto, ma dopo 4 votazioni senza che nessuno dei candidati abbia neppure sfiorato da lontano la maggioranza richiesta, il capogruppo di Forza Italia ha chiesto il rinvio.
L’elezione è stata rinviata al prossimo 3 maggio con la possibilità che, se non si trovasse un accordo su uno dei 13 nomi presentati come candidati, possano anche essere riaperti i termini per la presentazione di nuove candidature.
Personalmente ho presentato una candidatura di alto profilo che spero possa venire presa in considerazione in nome della competenza e non dell’appartenenza o di non meglio precisate fedeltà. Il nome che ho proposto è quello dell’ex Difensore civico della Provincia di Milano, avvocato e docente universitario, il professor Marco Quiroz Vitale. Credo potrebbe svolgere al meglio le funzioni di ombudsman lombardo. Speriamo che nei prossimi giorni i colleghi di maggioranza valutino il suo profilo e le sue competenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *