Non è il terremoto ad uccidere, ma le opere dell’uomo

31 agosto 2016 di fabio pizzul

Nella sua breve omelia durante i funerali delle vittime di Amatrice e Accumuli, il vescovo mons. Domenico Pompili prende spunto dai testi biblici per richiamare la responsabilità dell’uomo nella custodia del creato e nel non abbandonare coloro che sono stati colpiti dalla distruzione del terremoto.
Al di là delle sintesi giornalistiche, credo sia una riflessione utile per richiamare tutti a una solidarietà che non può essere disgiunta dalla responsabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *