Passo indietro di Maroni sull’ARAC

20 luglio 2016 di fabio pizzul

Passo indietro di Maroni sul nuovo organismo di controllo ARAC, istituito a seguito della scandalo in materia sanitaria che ha coinvolto Palazzo Lombardia. Il provvedimento, dopo che il Governo ha ammonito sulla possibile impugnativa del testo, è stato nuovamente modificato con un emendamento votato questo pomeriggio in Commissione regionale Affari istituzionali ed inserito nell’articolo 4 del progetto di legge “Modifiche di leggi regionali a seguito di impegni assunti con il Governo in attuazione del principio di leale collaborazione”. Il Partito democratico non ha mai nascosto la perplessità sull’iter ma, vista la volontà della Giunta di collaborare con il Governo, ha espresso voto di astensione.
Questo articolo pone rimedio tardivamente a una scelta avventata fatta esclusivamente per ragione mediatiche più che per ragioni istituzionali, siamo qui infatti, a distanza di mesi, a dover ancora emendare questo provvedimento. Prendiamo atto positivamente dell’accordo fatto con il Governo e pur ritenendolo un organismo inutile e ridondante nella situazione di imbarazzo istituzionale nella quale ci troviamo, un sistema di controllo in più non fa male. E’ comunque un segnale di voler implementare la vigilanza su quanto accade all’interno di Regione Lombardia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *