Corruzione: basta dichiararsi onesti e arrabbiati?

6 aprile 2016 di fabio pizzul

La corruzione è tornata purtroppo ad occupare la scena pubblica. C’è il rischio concreto che finiamo per abituarci al fatto che un tasso di corruzione sociale sia inevitabile e che ci rifugiamo dietro all’ipocrisia di chi sostiene che, in fin dei conti, le zone grigie dal punto di vista del rispetto delle regole e delle leggi diventino una sorta di scelta obbligata per poter sopravvivere.
Ho l’impressione che non si abbia il coraggio di riflettere su che cosa significhi corruzione oggi e che finiamo per essere convinti che dichiarandoci onesti e arrabbiati abbiamo chiuso la partita a nostro favore.

Anche l’appello a nuove leggi, autorità o commissioni di controllo suona come una deresponsabilizzazione, una volontà di affidare ad altri il compito di vigilare sulla possibile diffusione della corruzione. Quasi che non sia affare nostro o che basti enunciare la propria onestà per essere immuni da qualsiasi tentazione.
C’è però qualcosa di più profondo e che rischia di minare nel profondo i nostri legami sociali: la corruzione è una sorta di virus che si espande e che nasce da comportamenti quotidiani ormai consolidati come la mercificazione di ogni cosa o l’illusione che basti rispettare regole e procedure per non cadere in tentazione.
E se l’antidoto alla corruzione fosse la bellezza di scoprire e proclamare che non tutto può essere venduto?
Riflessioni che possono apparire un po’ fuori schema, ma che possono aiutare a costruire percorsi per uscire da meccanismi che finiscono per giustificare o farci sopportare una corruzione che rischia di avvolgere un po’ tutti.
Vi invito a leggere, a questo proposito, l’editoriale dell’ultimo numero di “Aggiornamenti Sociali”, firmato dal direttore padre Giacomo Costa sJ.

Ciò che la corruzione non può comprare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *