La gaffe di un Maroni spaventato sulla famiglia

5 aprile 2016 di fabio pizzul

Curiosa forzatura con scivolone collaterale per Maroni quest’oggi in Consiglio regionale.
Era in discussione una mozione del PD sulle politiche familiari con la quale chiedevamo, in pratica, il ripristino dei fondi stanziati nel 2015 e il riconoscimento delle famiglie adottive.
Ebbene, Maroni ha inviato una lettera con cui ha chiesto, ai sensi del regolamento, di poter evitare il voto segreto perchè il tema rIguardava un punto fondamentale del programma della sua Giunta. Ma non basta…

Nella lettera il presidente ha definito come “incerte, inappropriate e comunque insufficienti” le risorse ipotizzate dalla nostra mozione. Curioso, dicevo, notare come siano le stesse identiche risorse che la Giunta ha posto a fondamento della riforma sanitaria approvata ad agosto.
A questo punto, è lecito avere dubbi anche sulla copertura finanziaria di una riforma che, in effetti, fatica ad essere applicata nei diversi territori lombardi.
Riguardo poi il “niet” al voto segreto, a parte che non avevamo nessuna intenzione di chiederlo, mi pare una candida ammissione da parte di Maroni di scarsa fiducia nei confronti della propria maggioranza. Un ennesimo scivolone nel voto in aula probabilmente non sarebbe stato così facile da superare per il governatore che ha così preferito mettere le mani avanti ponendo quella che banalmente potremmo definire la “fiducia”.
Nulla di non regolamentare, s’intende, ma credo sia la prima volta nella storia di Regione Lombardia che un presidente pone la questione di “fondamentale per il programma” su una mozione votata in consiglio. Che altro è se non l’ennesimo, evidente, segnale di debolezza.
E passi l’ulteriore contraddizione vista in aula: su una questione che Maroni ha definito fondamentale per la Giunta, per la stessa era presente in aula il solo assessore all’inclusione sociale Giulio Gallera. “Onore delle armi” a chi ha affrontato da solo la discussione, “tapiro verde” al resto della Giunta.

Per completezza di informazione, vi allego il testo della mozione e la lettera di Maroni.
image

Il link al testo della mozione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *