Nuove farmacie: più che un’opportunità, un’agonia (senza fine)

23 gennaio 2016 di fabio pizzul

Nei mesi scorsi (oramai possiamo dire anni…) sono arrivate segnalazioni rispetto ai ritardi nell’assegnazione delle 343 sedi farmaceutiche previste dal decreto “Cresci Italia” e messe a bando dalla regione nel novembre 2012.
Questa settimana, dopo che il PD aveva già fatto in passato due interrogazioni, abbiamo chiesto ancora una volta in assessorato informazioni sull’iter dell’assegnazione. La risposta è stata sconfortante.

Purtroppo la procedura e’ ferma, la graduatoria a causa di ricorsi non è ancora definita e “almeno fino ad aprile” non sarà pronta. A seguire poi dovranno far partire l’interpello e la selezione delle sedi. E, solo dopo, la definitiva assegnazione. Insomma, a spanne, si arriverà a fine 2016. Ricordo che il bando risale al novembre 2012.
E meno male che siamo in Lombardia e che il provvedimento intendeva aiutare i giovani farmacisti in cerca di occupazione o con la volontà di mettersi in proprio. Gli aspiranti rischiano di non essere più giovani o di aver già cambiato mestiere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *