Milano, Renzi e Beppe Sala

3 settembre 2015 di fabio pizzul

I quotidiani di oggi titolano sulla vicenda delle elezioni milanesi:
Corriere della Sera: Renzi, l'”investitura” di Sala
Repubblica: Per il dopo Pisapia Renzi lancia Sala “Mi piace tantissimo”
Il Giornale: Endorsement e candidature: Sala e Rossi scalano il PD
Ma che cos’ha detto veramente Renzi?
Si può parlare davvero di investitura?

Il tutto nasce da una delle ultime risposte del premier Renzi nel corso di un’intervista rilasciata ieri mattina a RTL 102.5 nel corso del programma “Non stop news” condotto da Barbara Sala e Fulvio Giuliani.
Sentite l’audio originale con la domanda di Giuliani e la risposta di Renzi

La grandissima stima manifestata per Beppe Sala è indiscutibile e, credo, largamente condivisa da tutti, ma possiamo davvero considerare questa risposta un’investitura?
Che cosa avrebbe dovuto rispondere il Presidente del Consiglio? Forse qualcosa del tipo: “No, non se ne parla, dopo aver fatto danni ad Expo volete che ne faccia anche a Milano?”.
Se Giuliani avesse chiesto a Renzi che cosa pensava di Maiorino, Fiano o Caputo come possibili candidati a Milano, secondo me, avrebbe risposto più o meno la stessa cosa, ovvero, grande stima per tutti, toccherà a loro e al PD di Milano decidere e saranno comunque in grado di dare il loro contributo alla città. Non credete?

Il principale concetto espresso da Renzi su Sala è “lasciamolo in pace fino al 31 ottobre, poi vedremo”.
Mi pare un messaggio chiaro riguardo la necessità di dare tempo al tempo e di non precipitare le cose.
A patto che, come più di un quotidiano ha scritto, non ci sia spazio per una ricandidatura di Pisapia, visto il netto cambio di scenario rispetto al momento in cui ha annunciato la sua volontà di non presentarsi per un eventuale secondo mandato.

Chiudo con una battuta: ma dei milanesi e di Milano non si occupa nessuno?
Prima che della faccia del futuro candidato sarebbe forse utile parlare anche di che cosa si vuole proporre per la Milano di domani. O no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *