Fossimo a Dubai… Saremmo in anticipo.

19 marzo 2015 di fabio pizzul

Il Gruppo regionale del Pd ha deciso di astenersi sul voto al parere al provvedimento che assegnerà 2 milioni e mezzo di euro per il palinsesto artistico e culturale di Expo, di cui 1 milione 900mila euro per il programma culturale su Milano pensato da Vittorio Sgarbi, passato questo pomeriggio al vaglio della VII Commissione Cultura del Consiglio regionale.
Fossimo a Dubai, dove l’Expo si terrà nel 2020, saremmo in anticipo.

Invece, risulta difficile dare un parere su un testo che annuncia altri passaggi prima di finalizzare il suo contenuto e questo a poche settimane dall’inizio dell’evento.

A che cosa è servito il World Expo Tour che Maroni ha già abbondantemente terminato, se non ha potuto annunciare le iniziative che dovremmo approvare in questo documento, quando invece l’obiettivo era proprio ‘vendere’ questi contenuti.
Il 20 agosto scorso il presidente Maroni e il suo consulente Sgarbi hanno pubblicamente presentato gli itinerari turistici che dovrebbero portare i visitatori di Expo in giro per la Lombardia. Mi auguro che sia noto a tutti il fatto che questi itinerari sono pronti e disponibili, ma ne dubito, visto che nessuno, almeno qui in Commissione, ne ha mai saputo niente.
Stesso discorso, per quanto riguarda la possibilità di recuperare il milione che manca al completamento del progetto Sgarbi (in tutto costerebbe 3 milioni, ma a bilancio ne vediamo solo 1 milione e 900mila) attraverso gli sponsor: si fa conto sui privati, ma si dà loro solo una ventina di giorni, un mese prima dell’inizio dell’evento, per poter partecipare con il loro contributo.
C’è solo da augurarsi che in tanti rispondano all’appello. Altrimenti chi pagherà?.
La comunicazione di questi eventi partirà evidentemente dopo l’inizio di Expo, ci chiediamo a cosa possa servire: la maggioranza dei turisti scopriranno il programma solo una volta arrivati a Milano e allora sarà troppo tardi per allungare la visita.
E, prima di chiudere, una curiosità.
È vero, Sgarbi lavorerà come consulente culturale su Expo per Regione Lombardia gratuitamente. Ma a ben guardare questo provvedimento prevede che vengano dati 350mila euro al Museo della follia, da realizzare a Mantova, che la presentazione dei padiglioni culturali definisce come ‘di Vittorio Sgarbi’. Quindi, non lo paghiamo direttamente, ma sovvenzioniamo le sue iniziative. Nulla di scorretto, ma è bene che almeno lo si sappia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *