Buon lavoro ai nuovi dirigenti scolastici lombardi

30 giugno 2014 di fabio pizzul

Prendono servizio oggi i dirigenti scolastici vincitori del concorso che tanto ha fatto penare la scuola lombarda.
A loro va un caloroso augurio di buon lavoro, nella speranza che possano al più presto prendere confidenza con le scuole loro assegnate e possano contribuire così a migliorare l’offerta formativa della scuola.
A tutti i nuovi dirigenti va anche la stima per il lungo cammino fatto e la pazienza dimostrata nel sopportare il percorso a ostacoli che si è posto loro di fronte: mi auguro davvero che il lavoro con i docenti, gli studenti e le famiglie possa ripagarli di quanto hanno passato.
Rimane aperta la questione di coloro che, vincitori di concorso in prima battuta, non sono risultati idonei nella rinnovazione dello stesso: per loro si apre la prospettiva del corso-concorso che dovrà essere bandito entro la fine del 2014. Anche in questo caso non si tratta di cercare scorciatoie o altri sotterfugi, ma di riconoscere quanto da loro ottenuto nel concorso e poi vanificato a causa di vicende di giustizia amministrativa.
Gli studenti si godono le meritate vacanze, ma i dirigenti scolastici lombardi dovranno lavorare sodo nelle prossime settimane per far sì che il prossimo anno scolastico inizi sotto i migliori auspici.

12 commenti su “Buon lavoro ai nuovi dirigenti scolastici lombardi

  1. Paola

    gentile Signor Pizzul, io credo che se lei ha seguito, come mi pare di capire tra le righe, le tristi vicende che hanno attraversato questo concorso , non può esimersi dall’aggiungere che si impegnerà a fare in modo che chi ha tolto con infamia il posto che noi 96 stavamo per prendere.
    Una amministrazione che ha sbagliato ( si legga “buste trasparenti”) e che stava già nominando altre 355 persone ( ben 100 diverse da quelle che da ieri si sono sedute anche al mio posto!) ora ha il dovere di rimediar ai suoi errori .
    Non può costringere cittadini onesti che hanno fatto un solo sbaglio , prepararsi e sacrificarsi per prepararsi a questo concorso ( 3 prove) , a ricorrere alla giustizia per difendersi e spiegare al mondo intero che LORO QUEL POSTO LO HANNO SUDATO……….
    Un caro saluto
    Paola Bonazzoli

    Replica
  2. Paola

    gentile Signor Pizzul, io credo che se lei ha seguito, come mi pare di capire tra le righe, le tristi vicende che hanno attraversato questo concorso , non può esimersi dall’aggiungere che si impegnerà a fare in modo che chi ha tolto con infamia il posto che noi 96 stavamo per prendere deve porre rimedio alla nostra esclusione.
    Una amministrazione che ha sbagliato ( si legga “buste trasparenti”) e che stava già nominando altre 355 persone ( ben 100 diverse da quelle che da ieri si sono sedute anche al mio posto!) ora ha il dovere di rimediar ai suoi errori .
    Non può costringere cittadini onesti che hanno fatto un solo sbaglio , prepararsi e sacrificarsi per prepararsi a questo concorso ( 3 prove) , a ricorrere alla giustizia per difendersi e spiegare al mondo intero che LORO QUEL POSTO LO HANNO SUDATO……….
    Un caro saluto
    Paola Bonazzoli

    Replica
  3. Alberto Ferrari

    Gent.mo sig. Pizzul
    mi dispiace moltissimo ma temo di doverla contraddire in relazione alla vicenda da lei citata relativa a coloro che, vincitori di concorso in prima battuta, non sono risultati idonei nella rinnovazione dello stesso; il dispiacere nasce soprattutto dal fatto di essere tra coloro che sono stati scippati del posto 1 giorno prima della firma del contratto. Ma il corso-concorso che lei dice dovrà essere bandito entro la fine del 2014 andrà fatto (vedi art.1 comma 2/ter del d.l. n°58 del 7/4/2014) solamente in quelle regioni nelle quali la relativa graduatoria è esaurita: purtroppo così non è in Lombardia.
    Sperando di essere io in errore la saluto con cordialità
    Alberto Ferrari

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *