Il suolo è “bene comune”, non consumiamolo

17 febbraio 2014 di fabio pizzul

Nei prossimi dieci anni in Lombardia potrebbero nascere nuove costruzioni per oltre 414 milioni di metri quadrati, una superficie pari a due volte la città di Milano. Non sono previsioni catastrofiche, è solo quanto è già previsto dai PGT dei 1126 comuni lombardi che hanno già adottato i piani di governo del proprio territorio.
Di fronte a questi dati è urgente cambiare la legge che regola il territorio lombardo per provare a invertire una tendenza che appare inarrestabile e difficilmente sostenibile.
Anche la Giunta se ne è accorta e ha varato, proprio venerdì scorso, i primi criteri generali per una possibile riforma.
Nel frattempo, Pd e Patto civico non sono stati ad aspettare e, dopo un lavoro di qualche mesi con un gruppo di esperti, hanno presentato le loro proposte.

Qui le proposte con le schede e le slides di presentazione

Sul tema è possibile anche vedere una chiacchierara realizzata con alcuni degli esperti coinvolti nel lavoro di approfondimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *