Un bilancio compilativo e senza idee

26 luglio 2011 di fabio pizzul

In un clima stanco e vacanziero, il consiglio regionale discute di assestamento di bilancio.
I tagli statali sono pesanti, il patto di stabilità inflessibile, ma la regione non è stata capace di individuare priorità e urgenze per andare oltre l’ordinaria amministrazione. Dalla Lombardia dovrebbero arrivare segnali innovativi, ma qui non se ne vedono.

Ma forse è chiedere troppo a una Giunta che dipende dalle inevitabili fasi vitali del suo presidente. Dalla fase creativa del primo mandato siamo passati a quella spiccatamente gestionale del secondo e terzo mandato per vivere oggi la stanca stagione del manierismo amministrativo in questo lungo e laborioso passaggio verso un futuro non ancora definito.

Il mio intervento in aula sull’assestamento di bilancio per il 2011 

Intervento in aula in modalità video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *