La memoria prolungata

13 luglio 2011 di fabio pizzul

Con grande disappunto della Lega, la commissione cultura del Consiglio regionale ha approvato un paio di emendamenti alla legge di assestamento di bilancio che trasformano la legge sui 150 dell’unità d’Italia da episodica in stabile.
In pratica, Regione Lombardia potrà, compatibilmente con le esigenze di bilancio, continuare anche nei prossimi anni a sostenere le iniziative di tutela del patrimonio storico risorgimentale. Un atto che, nonostante i mal di pancia leghisti, conferma la volontà di non abbandonare le radici risorgimentali così diffuse in Lombardia e di non farne oggetto di episodica propaganda politica. Al momento non sappiamo se e quanto la regione potrà finanziare nei prossimi anni, ma la stessa possibilità di investire sulla tutela della memoria comune mi pare una buona notizia. Ferme restando, è ovvio, le priorità di bilancio che attualmente costringono a guardare altrove. Sperando che anche in Lombardia non ci si limiti a tappare i buchi, ma si investa davvero sul sostegno alla crescita e allo sviluppo. Ma di questo parleremo un’altra volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *