Tre inviti alla santità

25 giugno 2011 di fabio pizzul

Ogni uomo è chiamato alla santità, diceva Giovanni Paolo II. Per questo, le beatificazioni ambrosiane di domenica in Duomo, non sono solo un segno di testimonianza evangelica per cui ringraziare il buon Dio, ma anche un invito a migliorare se stessi nella vita concreta.

Padre Vismara, missionario del PIME in Birmania, da seminarista fu chiamato al fronte durante la prima guerra mondiale: la sua figura è un invito a un maggior impegno personale per la pace tra i popoli, indipendentemente dalle tensioni e dalle contraddizioni della realtà contingente in cui siamo immersi.

Don Serafino fu parroco a Chiuso, un piccolo Sobborgo di Lecco: la sua ordinaria vita pastorale e spirituale è un invito ad affrontare responsabilmente i propri doveri con particolare dedizione verso i più poveri.

Suor Enrichetta è denominata l’angelo di San Vittore (guarda il video), il carcere dove operò con umanità anche durante i terribili anni della seconda guerra mondiale: il suo impegno a tutela della dignità dei detenuti è tema che ancora oggi deve scuotere le coscienze di tutti, a partire da quella dei politici. Il sovraffollamento relega le carceri a una funzione detentiva, non rieducativa: umanizzare oggi la vita dietro le sbarre, significa più sicurezza domani, significa affrontare le paure e i fallimenti della nostra società anziché nasconderli (guarda il video delle iniziative Sportivi dentro Convegno sul carcere).

Un commento su “Tre inviti alla santità

  1. Marco

    Pisapia ha promesso ieri in PIAZZA DUOMO, al termine delle BEATIFICAZIONI di istituire il registro delle unioni civili!!!! Intanto è un atto simbolico – dice Majorino (PD) – perché dà l’occasione di celebrare l’unione alla luce del sole. La registrazione è la solennizzazione dell’unione e si può pensare anche a una cerimonia”
    “Adesso la «cerimonia» potrebbe ottenere una sua «ufficialità» anche se senza una legge nazionale non avrebbe alcun valore. Invece, il registro potrebbe significare il riconoscimento materiale di alcuni diritti relativi all’accesso ai servizi del Comune, come l’accesso del nucleo famigliare alle graduatorie delle case popolari”
    Tettamanzi ha fatto di tutto per aiutare Pisapia ad essere eletto: è solo una grazia di Dio se arriva qualcuno di indirizzo completamente opposto a lui!!!
    Pizzul, perchè non commenti queste iniziative? Sei bravo solo a fare commenti sugli avversari. Perchè non commenti le iniziative fortemente anti-cattoliche dei tuoi compagni di partito?

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *