Binario 21: la Regione può fare di più

27 gennaio 2011 di fabio pizzul

Il Binario 21 necessita uno sforzo in più. Purtroppo ai finanziamenti iniziali stanziati anche dalla Regione per il memoriale sulla Shoà in Stazione Centrale a Milano – al binario dove partirono i deportati per i campi di concentramento – non se ne sono aggiunti a sufficienza per ultimare i lavori. In questi giorni mi auguro che enti pubblici e privati si facciano carico di fare il possibile perchè quest’opera non rimanga incompiuta, come chiedono i responsabili della Fondazione che gestirà il memoriale ai quali in molti hanno garantito il porprio aiuto senza poi dar seguito a quanto promesso.
Per quanto riguarda Regione Lombardia, mi spiace far notare come anche le iniziative che il Consiglio Regionale avrebbe potuto intraprendere siano rimaste inevase. A settembre avevo presentato un’interpellanza a risposta scritta, che nessuno della Giunta ha mai preso in considerazione se non per fare dichiarazioni alle agenzie di stampa, in cui ricordavo che alla fine dell’VIII legislatura, era stato approvato un progetto di legge (1/2010) che riguarda il ‘Sostegno alle attività di studio e memoria sui fondamenti e lo sviluppo dell’assetto democratico della Repubblica’, che “prevede iniziative per il ricordo attivo di fatti e avvenimenti che hanno fortemente contrassegnato il Novecento, con convenzioni con gli istituti storici, con le scuole medie superiori per attività educative e culturali e borse di studio e premi alle tesi di laurea, viaggi di studio e di conoscenza nei luoghi di svolgimento dei fatti della memoria”. Nella mia interpellanza suggerii che questa legge potesse essere un’ulteriore modalità di finanziamento per il Memoriale.
E a questo proposito chiesi, appunto, a Giunta e assessore competente se fosse loro intenzione “destinare risorse aggiuntive per garantire la continuità dei lavori e la realizzazione del progetto previsto, dato che il Memoriale per Milano e per i cittadini lombardi sarà luogo di testimonianza e di ricordo ma anche un’occasione di incontro e di dialogo”. Domandai infine quali fossero i tempi di emanazione del bando relativo ai finanziamenti previsti dalla legge n. 1/2010. Mi auguro che la Regione non si sottragga dal compiere quanto più è possibile perché i lavori del Binario 21 vengano ultimati. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *