Diamo credito alle imprese: solo parole?

9 novembre 2010 di fabio pizzul

La possibilità di ottenere credito dalle banche è una questione vitale per le imprese, soprattutto le piccole e le piccolissime, in questa situazione di grave e perdurante crisi economica. Il Confidi, ovvero consorzio fidi, sono uno strumento concreto che consente alle imprese di ottenere garanzie per poter bussare con più efficacia alle porte del sistema bancario. In pratica, i Confidi forniscono le garanzie per far sì che le banche possano erogare i finanziamenti senza derogare alle politiche prudenziali sul rischio di non vedersi rimborsato il credito erogato.
I Confidi in Lombardia hanno funzionato bene nella prima fase della crisi esplosa a fine 2008, ma da qualche mese hanno evidenti problemi di fondi a disposizione e dunque non possono garantire tutto il sostegno necessario alle imprese che lo richiedono. Le stesse banche guardano con preoccupazione alla situazione dei Confidi nel dubbio che non siano in grado di onorare le garanzie offerte.
La Giunta regionale lombarda ha più volte promesso un suo intervento, necessario affinché anche altri soci degli stessi Confidi possano contribuire al rifinanziamento, ma finora non è stato ancora erogato tutto quanto era necessario.
Come PD abbiamo presentato una mozione in Consiglio regionale per impegnare la Giunta a garantire le necessarie risorse ai Confidi.
La maggioranza (LEGA e PDL) ha votato contro questo invito senza neppure motivare la propria scelta. La mozione è dunque stata bocciata (guarda il video) e la Giunta non è vincolata a rifinanziare i Confidi, se non dalle proprie promesse finora non mantenute.
Nella stessa seduta, il consiglio ha approvato all’unanimità due mozioni presentate da Lega e Pdl che chiedono la liberazione del premio Nobel per la pace Liu Xiaobo. Benissimo! Ci mancherebbe altro che non si sia a favore della promozione dei diritti umani in Cina. Ma vogliamo fare qualcosa anche per le piccole imprese lombarde o ci limitiamo a blandirle con tante belle parole e promesse?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *