CHI COMANDA IN LOMBARDIA?

25 settembre 2010 di fabio pizzul

Chi comanda in Regione? Una domanda retorica, certo, ma non banale. Almeno a giudicare da quanto si sta verificando in queste settimane.
La Giunta si sta limitando a sbrigare l’ordinaria amministrazione, senza approvare progetti di legge da sottoporre all’attenzione del Consiglio. Nella scorsa legislatura i ritmi erano diversi e, a pochi mesi dall’inizio dell’attività, l’elenco dei provvedimenti approvati dalla Giunta era lungo e articolato.
Comprendiamo gli imbarazzi relativi alla situazione economica: Formigoni continua a chiedere “sconti” di pena a Tremonti, ma non pare ottenere udienza. Con questi chiari di luna, 700 milioni in meno per i trasferimenti e altrettanti in minori spese possibili, l’attività della Regione rischia di venire ridotta al lumicino. Fatichiamo però a capire perché l’attivissimo presidente sia piombato in una sorta di letargo su altre questioni, prima fra tutto l’Expo.
A questo si aggiunge l’attivismo della Lega, l’unica forza politica che ha presentato (almeno in commissione) emendamenti sul Piano di Sviluppo Regionale. Ma come? Il documento non era stato condiviso con i partiti della maggioranza? Chi lo ha seguito per conto dei lumbard si era distratto a tal punto da rendere necessario un cospicuo intervento integrativo?
Ancora domande, dunque, perché fatichiamo davvero a capire che cosa stia accadendo alla maggioranza che sostiene Formigoni. Se siamo di fronte al primo atto di una guerra di logoramento tra Lega e PDL, c’è davvero da preoccuparsi. Anche perché gli uomini di Bossi paiono inclini, come loro abitudine, ad alzare i toni e la posta per ottenere visibilità mediatica e consenso cultural-politico.
Vanno in questa direzione alcuni degli emendamenti proposti al PRS. Da parte del PD nessuna barricata preconcetta: almeno metà delle proposte leghiste (ivi compreso quello relativo alla delocalizzazione delle imprese) sono state condivise, mitigate e votate anche dai consiglieri democratici. Nel contempo, però, nessun cedimento alla propaganda e alla chiusura particolarista: gli emendamenti volti a promuovere la “padanità” della scuola e il sostegno preferenziale agli studenti universitari lombardi (guarda il video) sono stati respinti al mittente e approvati dalla sola maggioranza (PDL compreso!).
Non vorremmo che in Lombardia finisse per comandare solo la propaganda leghista.

Un commento su “CHI COMANDA IN LOMBARDIA?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *