ARRIVA IL RAMADAN. SOLITI PROBLEMI.

11 agosto 2010 di fabio pizzul

Arriva il Ramadan e, puntuale, arriva la polemica sui luoghi di preghiera per gli islamici nella città di Milano.
E’ mai possibile che da almeno un decennio non si riesca a risolvere in modo civile la questione?
A Milano probabilmente è difficile e forse non è neppure giusto pensare a una grande moschea cittadina, meglio puntare su luoghi di preghiera più piccoli, dislocati sul territorio e più rispettosi delle diverse comunità islamiche presenti in città.
Non dico che il problema sia di facile soluzione, ma sono sconcertato dal fatto che non ci si provi neppure. L’unico criterio seguito dall’amministrazione comunale sembra essere quello di ostacolare gli islamici o comunque creare loro difficoltà. Come si può allora chiedere collaborazione?
Che la situazione di viale Jenner sia stata e sia per molti versi insostenibile è vero, ma è mai possibile che non si possa trovare una soluzione alternativa stabile?
Chi amministra ha la responsabilità di risolvere i problemi, non di alimentarli.
A meno che il fatto di tenere aperti problemi non venga considerato una buona occasione per fare propaganda e catturare consenso e voti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *