GELMINI “ROMPI”

23 maggio 2010 di fabio pizzul

Oggi sulla stampa sembra si parli più dell’ardito “apprezzamento” di Bersani al ministro Gelmini che di quanto effettivamente sia accaduto ieri all’Assemblea nazionale del PD.
Non mancano commentatori e commentatrici che si stracciano le vesti di fronte alla mancanza di rispetto e all’insulto che il segretario del PD ha riservato a un ministro della Repubblica, per di più donna. Sul Corriere si arriva a ipotizzare una discriminazione di genere collegata al fatto che l’insulto sia stato diretto alla Gelmini e non ai pur criticatissimi Berlusconi o Tremoni.
Confesso di non aver particolarmente apprezzato lo stile della sortita di Bersani, a dir il vero più goliardica che volgare.
Mi chiedo anche però come ci si possa scandalizzare di questa che ritengo (al più) una caduta di stile ritenendola una mancanza di rispetto nei confronti delle donne in genere quando quotidianamente siamo bombardati da affermazioni, atteggiamenti e battute che “cosificano” le donne trasformandole in puro e semplice oggetto di desiderio e trastullo sessuale.
La battuta di Bersani, se non altro, riconosce alla Gelmini una grande capacità di iniziativa politica, magari male indirizzata e pasticciata, ma reale. Scusate, ma ritengo che altre battute e atteggiamenti degli ultimi mesi abbiano infangato in modo molto più pesante la dignità femminile.
Siamo comunque alle solite: basta una parola per far sparire un’intero discorso o un’intera assemblea che ha avuto il merito di tentare di gettare il cuore oltre l’autolesionismo travestito da dibattito interno che ha caratterizzato a più riprese l’ultimo periodo del PD.

Un commento su “GELMINI “ROMPI”

  1. Francesca Lembi

    Per carità, Bersani avrebbe dovuto usare un altro tipo di parole, sopratutto, a mio parere, più “concrete”, anche per evitare le solite strumentalizzazioni.
    La Gelmini non “rompe i coglioni” agli insegnanti, sta proprio ROMPENDO tutta la scuola pubblica, distruggendo mattone dopo mattone, quella che era l’eccellenza della scuola Italiana, la scuola primaria … la Gelmini “rompe” perché sta togliendo ai nostri figli la possibilità di crescere ed imparare, obbligando chi può permetterselo ad andare verso la scuola privata.
    La Gelmini “rompe” perché non gliene frega niente della scuola e dei nostri figli
    La Gelmini non rompe i coglioni, ROMPE IL FUTURO!

    E per quanto riguarda la mancanza di rispetto verso una donna, beh credo che sia proprio questa signora la prima ad andare contro le donne, con la sua azione di governo e con frasi del tipo “Stare a casa per mesi è un privilegio e tornare subito al lavoro non vuol dire non essere una buona mamma: dovrebbero farlo tutte – spiega -. Certo, per una donna normale è difficile, deve dotarsi di una buona dose di ottimismo, però bisogna accettare di fare dei sacrifici” … Ecco questo è andare CONTRO LE DONNE!!!

    Francesca

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *