GESTIRE RESPONSABILMENTE I RIFIUTI

16 aprile 2010 di fabio pizzul

Domenica mattina il Wwf e diverse associazioni della zona di Trezzo sull’Adda hanno organizzato una manifestazione per dire no al raddoppio del locale inceneritore.
La manifestazione segue di qualche giorno la protesta degli amministratori di alcuni comuni del sud Milano contro l’ipotesi di costruire un nuovo impianto di termovalorizzazione nel cuore del Parco Sud, vicino all’Abbazia di Mirasole.
Alla manifestazione era presente anche il capogruppo del PD in consiglio provinciale di Milano Matteo Mauri che ha invitato il presidente della provincia Podestà a esplicitare il suo pensiero in merito alla gestione dei rifiuti: “Podestà ha evitato di affrontare il problema per tutta la campagna elettorale e per i primi 10 mesi del suo mandato di presidente, ora di fronte alla richiesta dell’Amsa, non può più tirarsi indietro: il presidente Podestà dica se è favorevole o no alla realizzazione di un nuovo inceneritore nel Parco Agricolo Sud Milano”.

“Il comune di Milano – ha continuato Mauri – ha certo più interesse a costruire un nuovo impianto che limitare la produzione dei rifiuti. Non ha infatti mai sostenuto iniziative per incrementare la raccolta differenziata e per ridurre la produzione dei rifiuti”.

Per di più esiste già una società, l’Anema (partecipata dalla Provincia di Milano) che ha come obiettivo la realizzazione di un nuovo termovalorizzatore a Nord di Milano, in sostituzione di quello di Sesto San Giovanni.
“Proseguire su questa strada – commenta Mauri – e dire no ad un impianto nel Parco Agricolo Sud permetterebbe raggiungere tre obiettivi: salvaguardare un’importante area verde, rispettare il Piano provinciale dei rifiuti che prevede la ‘non proliferazione’ degli impianti e realizzarne uno dove vengono prodotti la maggior parte dei rifiuti”.

In buona sostanza, la proposta del PD è quella di sostituire con un nuovo e più moderno impianto il termovalorizzatore di Sesto San Giovanni, senza insidiare l’area del Parco Sud o incrementare l’impatto su quella di Trezzo.

Per sostenere quest’ipotesi domenica mattina parteciperò alla manifestazione promosso dal WWF.

L’appuntamento è per le ore 11.00 di domenica 18 aprile davanti al municipio di Grezzago, da lì ci si dirigerà verso l’impianto di trattamento dei rifiuti per circondarlo con una lunga catena umana.

Un commento su “GESTIRE RESPONSABILMENTE I RIFIUTI

  1. Paolo Di Carlo

    Va bene contrastare il proliferare di nuovi inceneritori, ma perché insistete nel voler sostituire o ampliare gli esistenti? Le strategie e le tecnologie a freddo per dire NO A TUTTI GLI INCENERITORI esistono, funzionano e permettono di rispettare l’ambiente e la salute e nel contempo permettono di abbattere i costi a carico dei cittadini! E’ ora di uscire dall’Età del Fuoco, abbiamo gli strumenti per farlo!
    Paolo Di Carlo – consigliere comunale a Desio – Lista Civica Desio 5 Stelle

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *