UN PASTICCIO CHE NON GIOVA A NESSUNO

2 marzo 2010 di admin

Bisognerà attendere ancora qualche ora per capire che ne sarà della candidatura di Roberto Formigoni alla presidenza di Regione Lombardia.
Una brutta faccenda, se non altro per il messaggio che dà ad elettori che sono sempre più distratti e disillusi.
La sensazione è che Formigoni e i suoi abbiano da troppo tempo dato tutto per scontato e considerino queste elezioni come una pura formalità. Certo, i numeri sono dalla loro parte, ma il rispetto per le istituzioni chiede un maggior rigore nel fare i passi necessari affinché siano evitati pasticci e leggerezze.
Il governatore è vittima di questa situazione e molti parlano di guerra tra bande nell’attuale maggioranza.
Non mi appassiona approfondire questi aspetti. Mi auguro che la situazione possa chiarirsi e che, nel rispetto delle regole, Formigoni possa presentarsi agli elettori.
Basta però pasticci e leggerezze, perché se si presentano in modo così clamoroso in vicende apparentemente banali, non oso pensare che cosa possa accadere in altre occasioni.

2 commenti su “UN PASTICCIO CHE NON GIOVA A NESSUNO

  1. IL CASTORO

    Caro Fabio ,
    sono IL Castoro, che ogni tanto offre un piccolo contributo alla rivista online Il Sicomoro.
    Devi sapere che anche da noi succedono cose simili. Lo scorso anno , in occasione delle elezioni nella Regione Dei Grandi Laghi, i Castori della Libertà litigarono sulle liste. Soprattutto Johann il tedesco (detto l’alemanno), e il famoso agente segreto James, (sì James Bondi), ebbero un franco confronto. Arrivarono con 45 minuti di ritardo. Si riunì il Comitato Presidenziale che istituì l’ora legale con effetto retroattivo di un giorno. Così la lista dei Castori della Libertà fu ammessa. Ma il grande popolo dei castori capì che anche l’ora legale non era più tale … e alle elezioni ci furono delle sorprese. La primavera tarda ad arrivare ma arriva, occhi che vedevo chiusi e assonnati si stanno riaprendo.
    IL CASTORO

    Replica
  2. Giuseppe Terruzzi

    Caro Fabio, non sarò tuo elettore perchè sto nella provincia di Varese. Ma apprezzo la tua disponibilità e ti auguro di raccogliere molti consensi, spero sufficienti per portare la tua voce nel Consiglio Regionale. Una voce pacata che mi piace. Penso anch’io che quello della lista di Formigoni sia anzitutto un pasticcio, a cui bisognava porre rimedio. Penso che se si fosse trattato di un’altra lista, non avrebbero avuto alcuna pietà. Penso pure che avrebbero dovuto ammittere l’errore e chiedere di potervi rimediare, magari con un rinvio dell’appuntamento elettorale. Ma hanno scelto di dire che comunque loro non hanno sbagliato, che il Tribunale aveva escluso ingiustamente la loro lista, che sono gli altri, come al solito, in mala fede a tramare contro di loro, poveri tapini. Mi sento dentro tanta voglia di sorridere al Bossi che ha osservato come loro, quelli della Lega, sono nati poveri (lo sono ancora?) e hanno imparato che i poveri non devono sbagliare mai. Sì, il Formigono povero non è mai stato, se non di modestia. Ma in campagna elettorale anzitutto parla d’altro, di una Regione che ha problemi e risorse e ha tanta gente onesta che dovrebbe dar un calcio agli approfittatori bugiardi. Auguri.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *